© 2025 DHPIù

Maggiori informazioni

DOC 1 / De Keersmaeker o della rivoluzione, per i trent’anni di MilanOltre

January 31, 2017

FASE / Rosas / © Herman Sorgeloos

 

Due donne vestite in modo essenziale, abiti bianchi e scarpe da ginnastica, scenografia vuota. In sala è palpabile un’attesa carica di aspettative. Il festival MilanOltre, che ha festeggiato a ottobre la trentesima edizione, non poteva scegliere inizio migliore. Ad aprire le danze al teatro Elfo Puccini, infatti, è Fase, four movements to the music of Steve Reich, della coreografa belga Anne Teresa De Keersmaeker (fondatrice della compagnia Rosas, da lei diretta): un lavoro del 1982, considerato tra i capolavori della danza contemporanea. Fase è un lavoro geniale e rivoluzionario in cui De Keersmaeker traduce la musica in danza, basandosi sulle ripetitività delle partiture del compositore Steve Reich. Frasi brevi, semplici, eseguite con la perfezione gelida delle macchine: le due donne disegnano nell’aria motivi geometrici, cerchi, linee, prima in sincronia, poi sfalsate, e poi di nuovo insieme, in analogia con la struttura musicale. I movimenti schematici si susseguono ininterrottamente, senza dare tregua al pubblico che assiste con il fiato sospeso. Sembrano sempre uguali, ma a ogni ripetizione c’è una sorpresa, una linea nuova, inattesa, che rende la performance un complesso, ordinato e affascinante meccanismo a orologeria.

La grandezza della coreografa, vincitrice del Leone d’oro alla Biennale di Venezia nel 2015, sta nella capacità di approcciarsi a lavori diametralmente opposti. All’interno dello stesso festival, infatti, presenta Verklärte Nacht, che, al contrario del geometrico e matematico Fase, è stato definito dalla stessa coreografa “spudoratamente romantico”. Questa volta è la narrazione a essere il centro della performance. La vicenda ispirata al poema omonimo di Richard Dehmel racconta un triangolo amoroso: un uomo e una donna passeggiano al chiaro di luna, la donna confessa di aspettare un figlio da un altro. Piuttosto che allontanarla, l’uomo accetta il bambino come fosse suo e i due amanti se ne vanno nella “notte trasfigurata”: la luce lunare e soffusa inquadra le figure dei due ballerini che si abbracciano, si respingono, si sollevano a vicenda, creando un’atmosfera di forte empatia con il pubblico, cullato dalla musica di Arnold Schönberg e travolto da un susseguirsi di emozioni contrastanti. Fase e Verklärte Nacht ben rappresentano i poli più lontani del lavoro di un’artista rivoluzionaria che, dal suo debutto con Asch nel 1980, non smette di ipnotizzare le platee di tutto il mondo.

 

Please reload

Recent Posts

July 5, 2019

Please reload

Archive
Please reload

Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square