© 2025 DHPIù

Maggiori informazioni

DOC 1 / Enzo Cosimi. Libidine e ripugnanza

February 3, 2017

ESTASI/ Enzo Cosimi/ © Lorenzo Castore

 

Il festival Exister è giunto alla sua nona edizione, quest’anno ospitato all’interno della suggestiva Triennale di Milano. Proprio presso il Teatro dell’Arte Enzo Cosimi ha presentato il suo spettacolo Estasi. Secondo step della “trilogia sulle passioni dell’anima”, dopo aver lavorato sulla paura collettiva in Fear party, Cosimi indaga il tema del desiderio e dei suoi risvolti più ambigui all’interno della società odierna.

Il pubblico entra in sala, le luci in platea sono già offuscate. Sul palcoscenico sei figure, corpi nudi imbrattati di colore, dominano la scena come statue all’interno di un museo. Le luci si spengono e lo spettacolo ha definitivamente inizio. Ciò a cui si assiste è un continuo faccia a faccia tra l’istinto più primitivo e animalesco dell’uomo e la ragione, le passioni, il piacere, i desideri carnali corrotti da una società che si sta sempre di più allontanando da ciò che rende umano l’uomo. Il pavimento è invaso da vestiti smessi e ammucchiati. I corpi, prima immobili, cominciano a cambiare forma: si muovono nello spazio, guidati dalla lussuria e circondati da bolle di sapone. Vengono sussurrate parole al microfono e solo in seguito il brano musicale diventa riconoscibile. Come un lamento una domanda rimane sospesa: “mi sento bene?”. Ed ecco che l’incanto viene interrotto, l’atmosfera onirica creata viene violentemente distrutta. Il pubblico è soggetto ad un continuo alternarsi di stasi e azione. Tutto è confusione, sospensione, un circolo di situazioni irrisolte che trovano fine solo nella propiziazione del rito, nella morte. Tutto è concluso. Estasi è uno spettacolo d’impatto, estremo, ricco di contrasti. Una battaglia interiore all’uomo, che penetra nello spettatore con una confusione ragionata in cui tutto, nel suo essere estremo, risulta equilibrato.

 

 

ESTASI

regia e coreografie di Enzo Cosimi

Please reload

Recent Posts

July 5, 2019

Please reload

Archive
Please reload

Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square