Hearing: interrogatorio alla realtà

May 3, 2018

 

#recensione

 

“Salam!”. È un saluto in lingua fārsī la prima parola che Mahin Sadri, interprete di Hearing del regista Amir Reza Koohestani, pronuncia dopo essere entrata sul palcoscenico della Triennale Teatro. Quasi immediatamente, inizia a rispondere a domande che non possiamo sentire, quesiti di un interlocutore invisibile. All’interrogatorio si aggiunge un’altra figura femminile (Ainaz Azarhoush), poi, dopo molto discutere, arriva l’audio e un riflettore mostra l’origine del suono: l’inquisitrice è seduta tra il pubblico, è una di noi. La questione del dibattere riguarda una vicenda che ha avuto luogo in un dormitorio femminile di un’università iraniana, spazio inviolabile e protetto, o che così sarebbe dovuto restare. Durante la notte di capodanno una delle studentesse riesce a introdurre un ragazzo nella sua stanza e un’altra, dopo averli scoperti, riferisce il fatto alla guardiana della struttura, unica, in teoria, a possedere le chiavi. Le stesse domande, lo stesso dialogo, sono ripetuti più e più volte. La dolcezza e la musicalità della lingua sono in contrasto con il clima di tensione e paura crescenti che man mano prende piede. Ognuna di loro ha una colpa da espiare e punti di vista differenti: prospettive individuali e tentativi di salvare se stesse e il proprio futuro da un sistema rigido e coercitivo. Nel corso del racconto i confini iniziano a confondersi, le identità si mescolano così come la cronologia dei fatti. Sul fondale viene proiettato il punto di vista di una delle ragazze, attraverso una telecamera che sembra essere i suoi occhi: il reale inizia a confondersi con il virtuale, il vero con l’immaginario, il passato con il presente, ciò che avviene sul palcoscenico con ciò che avviene attorno a esso. Chiunque può avere ragione, chiunque può avere torto. Il ragazzo ‘infiltrato’ era davvero presente o è stata solo un’allucinazione? La narrazione di Koohestani gioca con intelligenza su una realtà fallibile, congetturale, in balia dell’interpretazione, di chi guarda. Un modo di raccontare l’ipocrisia, la sopraffazione reciproca e le conseguenze (private e pubbliche) che caratterizzano un regime autoritario.

 

Birdie di Agrupación Señor Serrano, visto presso Triennale Teatro dell’Arte

Please reload

Recent Posts

September 15, 2020

September 4, 2020

Please reload

Archive
Please reload

Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2025 DHPIù

Maggiori informazioni