CROSSROADS - INHABITING THE WORLD VINCE IL BANDO BOARDING PASS PLUS 2021


Siamo felici di poter annunciare che il nostro progetto CROSSROADS - INHABITING THE WORLD è tra i vincitori del bando Boarding Pass Plus 2021. Insieme a noi in questa nuova e appassionante avventura, MILANoLTRE Festival, La Sfera Danza – Festival Internazionale di danza, l’Associazione Culturale Megakles Ballet e la straordinaria partecipazione dell’EurAsia Dance Project International Network e dei 5 EurAsia Partner internazionali: Istituto Italiano di Cultura di Giacarta, LOYAC Lebanon in Libano, École Des Sables in Senegal, FDR Formal Dance Research in Messico, Shoonya Dance Center in Belgio.

Crossroads è crocevia di strade, di corpi, di idee, di menti, di lingue tra l’Europa e quattro paesi/continenti del mondo con i quali intendiamo costruire nuovi percorsi di accompagnamento alla ricerca artistica, allo scambio di pratiche tra operatori, alla creazione di nuove opere coreografiche in una dimensione che privilegia il dialogo multiculturale e umano.


Recuperare la matrice antropologica e culturale del gesto, confrontarsi con modalità altre di conoscenza, affondare il corpo nella tradizione e nel costume di un paese lontano per proiettarlo verso la contemporaneità è il fil-rouge che collega le 4 esperienze nei paesi di destinazione, ognuno con una specificità diversa. Allo stesso tempo la riflessione che guiderà tutti i partecipanti, artisti e operatori, incontra le parole dello scrittore Christian Bobin in Abitare poeticamente il mondo: «se l'uomo abita questa terra, l’artista pone la domanda sul significato che possiamo dare alle nostre azioni “stando nel campo” e prendendosene cura». La proposta di Bobin è una nuova etica della contemplazione, del vedere la poesia in ogni gesto, del poco che si trasforma in tutto ciò che serve.


Per anni l’Occidente ha avuto un atteggiamento eurocentrico e voyeuristico rispetto a questi paesi trasformando tutte le narrazioni altre in marginali o stereotipate. Comprendere non solo la parte artistica ma anche la parte umana, umanistica e identitaria di questi paesi diventa allora la mission più importante del progetto e “Abitare il mondo”, “Stare nel campo”, “Prendersi cura”, gli imperativi dell’indagine che gli artisti condurranno in luoghi diversi del mondo con l’obiettivo di far affiorare nuove narrazioni del contemporaneo. È così che abitare poeticamente il mondo si trasforma in abitare umanamente il mondo attraverso nuovi sguardi e nuove consapevolezze che nascono da un’autentica esperienza di prossimità.


DA MARZO 2022!

Recent Posts
Archive
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square